Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.

Risparmia sul primo ordine con BENVENUTO15

Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita! Mancano €39 per avere la spedizione gratuita!

20% di sconto con il codice SPORT20 sull'integratore articolazioni

golden retriever sdraiato gioca con un pupazzo

Coccidiosi nel cane: sintomi, cura e prevenzione

Come capire se il tuo cane è affetto da parassiti intestinali e intervenire con la corretta alimentazione.

3 Minuti

La coccidiosi nel cane è un disturbo gastrointestinale assai frequente che colpisce i cani di tutte le età, ma soprattutto cuccioli e anziani per via del loro sistema immunitario più fragile. È causata dall’ingestione degli oocisti, ossia microscopici parassiti che a loro volta si trovano nelle feci di altri cani o su terreni o superfici contaminate da queste ultime. Non è una condizione preoccupante, ma è importante sapere come trattarla per prevenire una sua evoluzione più grave o la sua ricomparsa.

Quali sono i sintomi della coccidiosi nel cane?

La maggior parte delle specie di coccidi sono solo lievemente patogeni, perciò è probabile che il tuo cane quasi non soffra della loro presenza. Non è affatto raro, però, che a seguito di avvenuto contagio si possano verificare i seguenti sintomi:

  • Coliche
  • Perdita di peso
  • Diarrea emorragica (nei casi più gravi)
  • Spossatezza (sintomo molto importante nei casi dei cuccioli, solitamente più attivi dei cani adulti e/o anziani).

Solitamente, questi sintomi sono gli stessi che indicano se il cane ha i vermi, infatti, non è raro i casi di sintomatologia più grave siano causati dalla presenza di più infezioni batteriche, virali o parassitarie, per l’appunto. Proprio perché da sola la coccidiosi potrebbe non dare sintomi molto evidenti, è importante fare prevenzione e mantenere controllato il tuo cane con una visita generale annuale e/o esami specifici poiché, se ignorata, il rischio di malassorbimento e carenze nutrizionali è dietro l’angolo.

Diagnosi e terapia della coccidiosi nel cane

L’unico modo attendibile per diagnosticare la coccidiosi è attraverso l’esame delle feci al microscopio. È importante sottolineare che potrebbero essere necessari più campioni fecali prima di raggiungere una diagnosi definitiva, poiché gli oociti vengono espulsi in modo intermittente. Il trattamento è a cura esclusiva del veterinario, che saprà indicare il farmaco o l’antibiotico adatto a seconda della condizione specifica del cane. Infatti, potrebbero apparire complicanze come la disidratazione, per esempio, dovuta a diarrea prolungata. In questi casi, è fondamentale ripristinare l’equilibrio elettrolitico all’interno dell’organismo del cane. Oppure, nei casi in cui siano presenti più infestazioni parassitarie, sarà necessaria la sverminazione. Altre volte, è probabile che la flora intestinale del cane sia molto alterata e dunque potrebbero rivelarsi utili rimedi a base di integratori con prebiotici e probiotici.

Essendo la coccidiosi molto contagiosa e facile da contrarre, se il cane è infetto e appartiene ancora ad una cucciolata, è consigliabile estendere il trattamento agli altri cuccioli anche in assenza di sintomi, proprio perché ciò potrebbe impedire l’escrezione parassitaria e gli episodi di diarrea. Nonostante ciò, vogliamo tranquillizzarti dicendo che la coccidiosi è trasmissibile solo fra animali della stessa specie, dunque non devi temere per la tua salute o per quella di altri eventuali animali domestici. In qualsiasi caso, è importantissimo affidarsi alle indicazioni del tuo veterinario e mai al fai da te.

Come prevenire la coccidiosi nel cane

Come abbiamo già detto, la coccidiosi è molto contagiosa per via del suo metodo di trasmissione oro-fecale. Per i cani è molto facile entrare in contatto con le feci dei loro simili (basta una passeggiata al parco), o cibo e acqua contaminati. Si può fare prevenzione adottando delle buone abitudini igieniche come:

  • Raccogliere sempre i bisognini del tuo cane (in questo modo proteggerai gli altri!);
  • In caso di certa o sospetta infestazione di un’area/superficie specifica, eliminare la presenza di oocisti con l’utilizzo di vapore o detergenti disinfettanti;
  • Pulire bene le ciotole della pappa e dell’acqua con frequenza quotidiana.

L’alimentazione corretta in caso di coccidiosi

In caso di infestazione da coccidi, è ancora più importante seguire un’alimentazione attenta al tratto gastro-intestinale del cane. In particolare, è necessario privilegiare alimenti che favoriscano il riequilibrio della flora batterica e che siano altamente digeribili. Le crocchette per cani di amusi contengono solo ingredienti freschi e di qualità, e sono arricchite con cicoria e lievito di birra per regolarizzare le funzioni dell’intestino. Inoltre, la loro altissima digeribilità è testata dal Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Bologna per garantire al tuo pet una pasto leggero, completo e bilanciato.

Articoli correlati

Bibliografia:


Solo il meglio per chi ti ama

Siamo l'innovativo brand di petfood e petcare che offre prodotti e servizi su misura per il benessere del tuo peloso. Ogni cane è benvenuto nella nostra famiglia! Il nostro ingrediente segreto? L’amore.

Risparmia il 15% sul tuo primo ordine con il codice BENVENUTO15

Carrello

Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita! Ti mancano €39 per avere la spedizione gratuita!
Non ci sono altri prodotti disponibili per l'acquisto

Il tuo carrello è vuoto.