cambio dei croccantini al cane
Homepage / Magazine / Come cambiare crocchette al cane. A cosa fare attenzione!

Come cambiare crocchette al cane. A cosa fare attenzione!

Che sia per necessità o per mero desiderio, stai valutando di cambiare le crocchette al tuo cane? Vediamo insieme come fare questo passaggio in maniera corretta e a quali aspetti porre attenzione.

maria cavallo autrice di amusi magazine
Pubblicato da Maria Cavallo, il 8/9/2021
3 minuti
In questo articolo:

I croccantini che acquistavi di solito non sono più reperibili o hai trovato un’azienda che ti ispira fiducia. Sono anni che il tuo cane mangia sempre la stessa pappa e hai pensato che sia il caso di provare qualcosa di nuovo. Oppure, il tuo veterinario ti ha suggerito di cambiare per una specifica esigenza (es. una sopraggiunta intolleranza verso un ingrediente oppure nel passaggio da “cucciolo” ad “adulto”).

Insomma, per le più svariate necessità che ti si sono prospettate, è arrivato il momento di cambiare l’alimentazione del tuo cane, ma non farlo semplicemente aprendo il nuovo sacchetto e versando la razione consigliata nella ciotola. Ti spiego come fare e a cosa stare attento per evitare che il tuo amico a quattro zampe corra rischi di salute.

Cambia le crocchette in modo graduale, senza fretta

Sì, hai scelto tutto, hai il sacchetto lì pronto, ma non avere fretta. Lo so che sei super curioso di vedere come andrà il primo assaggio, se il tuo cane spalancherà gli occhi per il gusto o se scomparirà dai paraggi dopo la prima leccatina, ma ricorda: serve gradualità.

Il passaggio dalla vecchia pappa alla nuova deve avvenire in modo molto graduale, in un lasso di tempo variabile tra 7 giorni e 2-3 settimane. Aspetto che devi valutare con il tuo veterinario di riferimento che è a conoscenza della tolleranza gastro-intestinale del tuo cane.

cane con pochi croccantini nella ciotola
Aiutalo con un cambio di croccantini graduale

La tecnica efficace quando cambi il cibo al tuo cane

Se stavi pensando di terminare il sacco dei suoi soliti croccantini per poi aprire il nuovo, sbagli. Anzi, assicurati di avere un po’ di scorta della “vecchia” pappa perché dovrai continuare a dargliela per un po’, mescolandola con la nuova proposta. Usa le giuste proporzioni per creare il mix perfetto: nei primi giorni mixa 25% di “novità” con 75% della solita, poi 50% e 50% ed infine 75% di nuovo e 25% di vecchio sino a completare la transizione.

Questo passaggio graduale serve per far abituare il cane, ed il suo intestino, alla diversa composizione dell’alimento. Può essere d’aiuto durante questo periodo somministrare al cane anche dei fermenti lattici ad uso veterinario. Tieni sempre sotto controllo l’appetito del tuo cucciolo e la consistenza delle feci.

E se non gli piacessero le nuove crocchette?

Non è detto che la novità gli piaccia e magari neanche per un motivo specifico.
Ostinazione, capriccio o semplicemente perché il nuovo sapore non lo convince. Come puoi regolarti? Tieni presente che i croccantini in commercio sono studiati per essere altamente appetibili. Puoi però provare ad aggiungere del parmigiano grattugiato, del tonno al naturale o della carne macinata. Alcuni cani, astuti, potrebbero schivare le crocchette mangiando il resto che hai aggiunto (fai in modo comunque di bilanciare il pasto senza eccedere con gli ingredienti extra).
Altro trucchetto che potresti attuare è di mettere le crocchette in un barattolo aggiungendo della carne secca: conservandolo per 24 ore i croccantini si impregneranno dell’odore della carne e diventeranno più golosi.

cucciolo di cane timido
Il cambio del cibo potrebbe disorientare anche il cucciolo più impavido

Un consiglio: non assecondare i suoi capricci di fronte al cibo

Un consiglio di natura generale è: non assecondare troppo i suoi capricci. Tendenzialmente è difficile che il cane sia annoiato dal mangiare la solita pappa: in questo non sono paragonabili a noi e l’idea che spesso balena nella testa del proprietario “uh, non mangia, si sarà stancato di mangiare per anni la solita minestra”, è sbagliata. Ci sta cambiargli ogni tanto il cibo, ma attenzione a non assecondare ogni richiesta. È l’incubo ricorrente per ogni proprietario di quadrupede, ma no, non si lascerà morire di fame con la ciotola di croccantini davanti. Ricorda che sei tu che devi scegliere quando (e perché) variare la sua alimentazione, non lui, altrimenti diventa un gioco senza fine (e neanche salutare).

Ci sono cani che hanno addirittura bisogno della ciotola per cani voraci e altri che si fanno pregare per mangiare. Il tuo che tipo è? Raccontacelo.

Logo Amusi
PETTECH S.R.L. - Via Borromei, 6 20123 Milano - P.IVA 11702840965 - supporto@amusi.ittel: 02 9475 2163